Menu

Perché Controllare la corretta applicazione del Reverse Charge? 


 


Perché Per evitare di subire sanzioni salate sulle fatture che emetti!! 


 


Per evitare di anticipare l’IVA sulle fatture ricevuto dai tuoi fornitori, IVA non dovuta da norma e  consentirti di drenare liquidità!!

Vantaggi e convenienza per i soggetti che hanno aderito alla Legge 398 del 1991

I soggetti che hanno aderito alla 398/91 (associazioni culturali e sportive – APS – ASP – SSD- ODV) hanno un motivo in più: evitare di anticipare IVA sulle fatture dei fornitori che comunque non potrebbero detrarre contro l’IVA incassata dalla fatture emesse e/o dai corrispettivi. Infatti il meccanismo del reverse charge per le palestre o le squadre di calcio (basket, hockey, pallavolo, et similia) che gestiscono un impianto sportivo in regime iva forfettario, rappresenta una grande opportunità di risparmiare liquidità.

Tariffa per il servizio di controllo del Reverse Charge

Acquistate il nostro Checkup sul Reverse Charge costo 590,00 oltre IVA, tariffa ridotta internet 449,00 oltre IVA

La documentazione da inviare

Inviateci i documenti necessari per il controllo 

Divulgazioni su NetworkFiscale.com in materia di Reverse Charge

Contabilità separata: come ripartire i costi promiscui per recuperare l’iva

Come determinare il criterio per recuperare iva detraibile nelle aziende con multiattività, alcune in regime di esenzione, altre di imponibilità

Dott. Alessio Ferretti 0 24191 Voti articolo: 5.0

Frequentemente abbiamo riscontrato criticità nella gestione della contabilità separata, in quelle aziende con multiattività, alcune con ricavi in regime di esenzione iva (esempio attività sanitarie) ed altre imponibili (cessione beni o servizi). Le problematiche sono di due tipo, una inerente l’imputazione del costo alla sottoazienda corretta, l’altra inerente l’iva indetraibile per le attività con ricavi esenti, ed il recupero dell’iva detraibile sui beni e servizi comuni alle diverse sottoaziende.

Vendite di beni su piattaforma ecommerce (es Amazon) di terzo soggetto e pagamento delle Commissioni per servizi logistici da non assoggettare ad IVA

Caso Amazon: Quando ha sede in Lussemburgo e rappresentante fiscale in Italia come chiedere la non applicazione dell’IVA

la redazione 0 62671 Voti articolo: 5.0

Fattispecie disciplinata dall’articolo 17 comma secondo DPR 633/1972 e dalla Risoluzione 21E  emessa il 20 febbraio del 2015 dalla Agenzia delle Entrate, Argomento: Irrilevanza del documento emesso con partita Iva italiana dal rappresentante fiscale di un soggetto passivo estero residente in Lussemburgo (CEE)

Farro decorticato: cessioni con Iva agevolata al 10 per cento

Assistenza fiscale sulle corrette aliquote iva per farro e cereali

Dott. Alessio Ferretti 0 141189 Voti articolo: 5.0

Si applica l’aliquota Iva del 10 per cento alle cessioni di grano farro decorticato, questo emerge da analisi della classificazione merceologica doganale e dalla risoluzione n. 204/E del 30 agosto 2007 dell’Agenzia delle Entrate. 

Omaggi aziendali e campioni gratuiti ai clienti: come emettere fattura e detrarre i costi

Guida contabile/fiscale alla fatturazione degli omaggi aziendali e campioni gratuiti ai clienti

Avv. Giorgia Ardia 0 6369 Voti articolo: 5.0

Se un’imprenditore, nell’ambito di una strategia marketing decidesse di regalare a potenziali clienti alcuni beni/prodotti della propria azienda o i cosiddetti campioncini”, come dovrà emettere fattura per non commettere errori? Detrarrà sempre le spese del gadget aziendale? Ecco la guida operativa pronta per l’uso!

RSS
123

EasyDNNstyleWizard